LUNEDì 25 Giugno 2018 - Aggiornato alle 02:34

Home » » Polizia di Stato: sospesa per trenta giorni attività di un esercizio pubblico

 

Polizia di Stato: sospesa per trenta giorni attività di un esercizio pubblico

PORDENONE - Il Questore della Provincia di Pordenone dr. Marco Odorisio ha disposto la sospensione per trenta giorni dell’attività dell’esercizio pubblico “Bar Commercio”, sito in questo centro cittadino – via Santa Caterina, 1, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S. (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza).
Il provvedimento, che si inserisce nella prosecuzione  nell’attività di prevenzione e sicurezza della Questura di Pordenone sul territorio cittadino, segue gli analoghi provvedimenti di sospensione dell’attività eseguiti lo scorso 10 e 16 maggio nei confronti degli esercizi pubblici ubicati “Rayan Pizza e Kebab” e “QUEEN’S BAR”, ubicati in questo centro cittadino: “Rayan Pizza e Kebab” e “QUEEN’S BAR”, rispettivamente per venti e trenta giorni.  Nel pomeriggio odierno, personale della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura, unitamente ad equipaggi della “Squadra Volante” e del Reparto Prevenzione Crimine “Veneto” di Padova, ha dato esecuzione al suindicato provvedimento amministrativo in quanto, nel corso del tempo, presso il Bar Commercio si sono verificati gravi episodi per l’ordine e la sicurezza pubblica, nonché attività violente che hanno originato nella cittadinanza una percepita ed oggettiva pericolosità sociale, rendendo necessario più volte l’intervento delle Forze dell’Ordine.

 

VIOLENTA LITE ALL’INTERNO DEL LOCALE LO SCORSO 5 MAGGIO

In particolare, il locale in argomento si è evidenziato negativamente nel corso della notte dello scorso 5 maggio, in concomitanza dello svolgimento della manifestazione  “Pordenone chiama Europa 2018" che ha richiamato in città, oltre a diverse migliaia di visitatori, espositori provenienti da paesi di tutto il mondo. In quell’occasione il personale della “Squadra Volante” interveniva presso il summenzionato  locale ove era stata segnalata una violenta lite tra avventori . Gli operatori, prontamente intervenuti,  individuavano circa venti persone presenti, tutte ubriache, tra le quali numerosi pregiudicati e nonostante gli avventori fossero ubriachi, stante la presenza dei poliziotti l’addetta al bar continuava a somministrare alcolici ai presenti.    (Agg. 26/5 ore 21,04)

 

DECISIONI ASSUNTE PER MOTIVI DI ORDINE PUBBLICO 

L’episodio sopra descritto, risulta essere solo l’ultimo di una lunga serie di fatti che hanno turbato l’ordine e la sicurezza pubblica all’interno e nei pressi del Bar Commercio, rendendo necessaria l’effettuazione di serrati controlli che hanno evidenziato il Bar Commercio, quale luogo di ritrovo di persone che compromettono con il loro comportamento l’ordine pubblico. In particolare si evidenziano alcuni episodi, come quello occorso nella notte dello scorso 17 maggio, quando due pattuglie della “Squadra Volante” su disposizione della Sala Operativa intervenivano in piazza Risorgimento per la segnalazione di una lite tra cittadini extracomunitari presso il Bar Commercio. Sul posto venivano identificate nove persone, tutte straniere, alcune con precedenti di polizia e accertato che la lite era scoppiata per il furto di un portafoglio avvenuto all’interno del Bar Commercio. Oppure, come quello avvenuto nel corso del controllo avvenuto nel pomeriggio dello scorso 9 maggio, quando la “Squadra Volante” identificava dodici avventori di cui nove con precedenti penali per i seguenti reati:  evasione, rapina, furto, rissa, in materia di stupefacenti, molestie, sfruttamento della prostituzione, atti osceni, lesioni personali, percosse, guida in stato di ebbrezza, falsità nei documenti, invasione di edifici, immigrazione, ubriachezza, resistenza a Pubblico Ufficiale.Gli interventi al Bar Commercio da parte delle Forze dell’Ordine sono di fatto stati continuativi e reiterati. A titolo esemplificativo solo nel mese corrente  le “Volanti” della Questura sono dovute intervenire pressoché nottetempo per ben sette volte (5 – 15 -19 22 (2 volte) – 24 e 25 maggio e dall’anno 2017 oltre una ventina di volte. Quanto all’attualità dell’allarme in ordine alla Sicurezza Pubblica, si evidenzia come nel corso dell’ultimo controllo effettuato la notte scorsa, sono stati identificati, oltre che a soggetti gravati da precedenti di polizia anche due cittadini stranieri sprovvisti di documenti d’identità che, accompagnati in Questura sono stati sottoposti a Fermo d’Identificazione le cui posizioni sul Territorio Nazionale sono tuttora al vaglio da parte degli Agenti dell’Ufficio Immigrazione. La disposta chiusura del locale, con la sospensione dell’attività  per trenta giorni si è resa necessaria per il  fatto che il titolare, quasi mai, segnalava o richiedeva l’intervento delle Forze dell’Ordine per i gravi fatti che si realizzavano all’interno e nei pressi del suo esercizio pubblico posizionato, altresì, a pochi metri dal centro cittadino,  in zona adiacente a piazza Risorgimento, location ove si svolgono molte delle iniziative culturali e sociali e dove quindi vi è un’alta concentrazione antropica di persone che, per vario titolo vi convergono. Il provvedimento adottato dal Questore della Provincia di Pordenone dr. Marco Odorisio, si inquadra nel prosieguo di una strategia di prevenzione e sicurezza pubblica, che si orienta in base ai segnali che il territorio evidenzia e che le Forze dell’Ordine intercettano e quindi ponderano, modulando mirati interventi in risposta, come quello odierno.   (Agg. 26/5 ore 21,11)

(26 May 2018 - Ore 20:55)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Evitato un disastro ambientale

    20 Giu 2018 - Assovoce in pattugliamento antincendio interviene tempestivamente su una discarica abusiva a Monte Abatone data alle fiamme. Il presidente Giuseppe del Regno: « E’ intervenuta la Polizia locale, la Asl  e i Carabinieri forestali; chiesto anche l’ausilio delle guardie ecozoofile per la presenza di animali vivi minacciati dal rogo» VIDEO

  • Rifiuti abbandonati, arriva Ecopoint

    18 Giu 2018 - Con l'app i cittadini potranno segnalare la presenza di discariche abusive e monitorare lo stato di avanzamento della segnalazione fino alla chiusura della pratica. VIDEO1 VIDEO2

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy