Home » » La Futsal Isola precipita dall'Olimpo

 

La Futsal Isola precipita dall'Olimpo

CALCIO A 5, SERIE A

la Futsal Isola è costretta a dire addio al massimo campionato di calcio a 5 italiano e a tornare in serie A2, dopo aver chiuso la stagione in ultima posizione con 12 punti all’attivo; potendo però vantare tra le proprie fila il capocannoniere del torneo visto che Marcelo Goncalves Padilha Marcelinho guida la classifica dei marcatori con 24 gol all’attivo. Resta comunque tanta soddisfazione in casa oranje per aver centrato una promozione storica e aver vissuto un’annata in ogni caso indimenticabile. «Abbiamo iniziato - scrivono in una lettera aperta i patron Massimiliano Mazzuca e Federica Poggio - per gioco, questa società era nostra. Oggi è di tutti. È la nostra vittoria. Purtroppo non è andata come volevamo. Ma questo non deve farci dimenticare ciò che abbiamo realizzato. È stata comunque un’impresa. Nel giorno in cui lasciamo la serie A ci teniamo a ringraziare di cuore tutti coloro che ci sono stati accanto: i giocatori e lo staff tecnico/dirigenziale per l’immenso impegno quotidiano, i tifosi e tutti coloro che hanno macinato chilometri per seguire la squadra e incoraggiarci. Purtroppo abbiamo capito sulla nostra pelle una cosa fondamentale: a Fiumicino non si può fare sport ad alto livello. Non c’è la volontà. Se rimani nella mediocrità va bene. Ma appena cerchi di spiccare un minimo il volo sei costretto ad andartene via. Abbiamo pagato a carissimo prezzo la carenza di una struttura, i problemi di logistica. Giocare e allenarsi a Roma è stato un dispendio di energie inimmaginabile. Tanti nostri tifosi non se la sono sentita di percorrere ogni sabato 50 chilometri. Si è snaturato il nostro sogno iniziale, dare a Fiumicino una squadra nella quale potesse riconoscersi e di cui andare fiera. È stata una stagione particolare, iniziata male e finita peggio. Gli infortuni non c’hanno dato tregua fin dalla preparazione estiva. Pensiamo alle due gare con il Kaos, a quella con il Pescara in casa o con Lazio e Came Dosson fuori tanto per citare le prime che ci vengono in mente. Avremmo meritato qualche punto in più che forse sarebbe stato vitale. Degli arbitraggi non parliamo, si aprirebbe un capitolo troppo grande. È chiaro che le squadre meno attrezzate vengano costantemente penalizzate, senza però quel clamore mediatico di cui altri sport godono. Abbiamo pagato l’inesperienza, certo». 

(08 May 2017 - Ore 18:57)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005

Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Massimiliano Grasso - © Copyright 1999-2017 SEAPRESS - Privacy Policy