Home » » L’ex centrale Enel torna a vivere

 

L’ex centrale Enel torna a vivere

Fiumicino. Finito il basamento, sarà utilizzata per convegni, riunioni, appuntamenti. In attesa dell’Auditorium, arriva una tensostruttura

di FEDERICA CENCI

FIUMICINO - Qualcosa comincia a muoversi all’interno del perimetro dell’ex centrale Enel in via del Faro a Fiumicino. All’interno della struttura, infatti, da alcune settimane sono state viste all’opera diverse squadre di operai, tra ruspe, camion e qualche betoniera.
L’andirivieni è stato subito oggetto di curiosità da parte dei cittadini che hanno espresso i loro interrogativi affollando di domande le pagine dei social media. In molti hanno sposato la teoria delle “grandi pulizie” dell’area, acquisita alla fine del 2016 dal Comune, altri hanno velatamente alluso a qualcosa di più.
A fare chiarezza ci pensa il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, spiegando cosa si sta muovendo al di là del muro di cinta, nel corso di una video intervista.
“La prima cosa che abbiamo fatto – chiarisce Montino – è mettere in sicurezza l’area, la seconda è stata cominciare una grande opera di pulizia, perchè quello è un immobile posto in un’area di 19.000 mq, completamente abbandonata da trent’anni, con rifiuti, siringhe, una situazione di “completo degrado e anche potenzialmente pericolosa”.
tensostrutturaCompletati i lavori di pulizia – sono stati rimossi quintali di rifiuti – il Comune sta cominciando a rendere fruibile una parte di questa struttura, in maniera particolare l’area più lontana dalla centrale vera e propria.
“Abbiamo lasciato dello spazio intorno all’edificio per un possibile cantiere che, entro l’anno, possiamo aprire, visto che il progetto definitivo è stato già fatto. Nel frattempo stiamo perfezionando con la Città Metropolitana e la Presidenza del Consiglio dei Ministri questo affidamento, che abbiamo vinto, di circa 6 milioni di euro, per fare la ristrutturazione dell’immobile.
In attesa della ristrutturazione e durante la ristrutturazione – continua il Sindaco – mentre il lavoro di recupero va avanti, noi vorremmo cominciare questo itinerario di fruibilità di un immobile, di un area pubblica, comunale, che abbiamo acquisito con pochi soldi a dire il vero, solo con 600.000 mila euro”.
Ecco alora la tensostruttura: un edificio di circa 500 metri quadratitensostruttura di superficie utilizzabile per diverse iniziative, illuminato, riscaldato, alto fino a sei metri nel punto centrale, realizzato con profili di alluminio anodizzato e telo in Pvc, bianco traslucido.
“Abbiamo completato la pavimentazione, la prossima settimana ci sarà il montaggio della tensostruttura: un luogo dove sarà possibile fare formazione, manifestazioni, convegni, incontri di associazioni culturali, tutta una serie di iniziative per cominciare a far vivere questo luogo, in attesa dell’inaugurazione totale”.

(10 Mar 2018 - Ore 08:19)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy