Home » » Commercio di auto: scoperta dalla Finanza maxi frode fiscale

 

Commercio di auto: scoperta dalla Finanza maxi frode fiscale

FIUMICINO - Una colossale frode all’IVA perpetrata attraverso il commercio di autoveicoli provenienti da Paesi dell’Unione Europea è stata smascherata dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, che hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria di Civitavecchia 4 persone, tra amministratori di fatto e di diritto delle società coinvolte, per emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Il sodalizio, ricorrendo al classico copione delle frodi “carosello”, aveva costituito, in tutta Italia, una serie di imprese cc.dd. “cartiere” che, prive di qualsivoglia operatività e struttura aziendale, venivano interposte solo formalmente nella compravendita delle autovetture, allo lo scopo di assumersi l’integrale debito relativo all’IVA, che tuttavia poi non provvedevano a versare all’Erario. Le società effettivamente destinatarie dei veicoli maturavano, invece, consistenti crediti di imposta nei confronti dello Stato e, grazie al risparmio conseguito per effetto del mancato versamento dell’IVA, praticavano ai clienti prezzi estremamente competitivi, sbaragliando la concorrenza.

Il sistema fraudolento – che ha permesso un’evasione, nell’intero territorio nazionale, di 25 milioni di euro tra imposte sui redditi, IVA ed IRAP – si basava sulla compiacenza di persone nullafacenti, disposte ad assumere solo “sulla carta” la carica di amministratore delle citate “cartiere”.    

I militari del Gruppo di Civitavecchia - Compagnia di Fiumicino, coordinati dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia, hanno ricostruito il vorticoso giro di fatture false e i flussi di denaro consentendo all’Autorità Giudiziaria di disporre il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie e di diversi beni mobili e immobili.     

Le indagini delle Fiamme Gialle si inquadrano nell’azione di contrasto all’economia sommersa e alle frodi fiscali le quali, oltre a sottrarre ingenti risorse finanziarie allo Stato, alterano le regole del mercato e danneggiano i cittadini e gli imprenditori onesti.

(24 Ott 2019)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy